La pitaya…non solo antiossidante!

La Pitaya (Steneocereus pruinosus) è un cactus colonnare che cresce nelle foreste naturali. Si può trovare nelle regioni limitrofe il fiume Balsas e nelle Valle del Tehacan nel Messico Centrale. Esso è utilizzato come materiale da costruzione, come foraggio, come recinzione vivente e come carburante.  I suoi frutti invece, per il loro sapore particolarmente dolce, vengono consumati dalla popolazione da secoli.  Per il colore della loro polpa, è stato possibile suddividere la Pitaya in sei varianti: Rossa, Gialla, Arancione, Viola, Bianca e Rosa.

Che cosa contiene la Pitaya di interessante per la nostra salute?

Il potere antiossidante della Pitaya

Perchè la Pitaya ha questa variabilità di colore? Semplice: contiene le betalaine, pigmenti naturali che donano colore a fiori e frutti, hanno un elevato potere antiossidante e un’elevata capacità di rimozione dei radicali liberi.

Le betalaine si dividono in betacianine e betaxantine: le prime donano un colore che va dal rosso al violetto, mentre le seconde dal giallo all’arancione.

Le proprietà della  Pitaya Rossa

In questi ultimi anni l’attenzione si è concentrata sulla Pitaya rossa (Hylocereus polyrhizus) chiamata anche “Frutto del Dragone”: essa infatti  si è rivelata utile contro l’infiammazione, l’ateriosclerosi e l’iperlipidemia.

Selenio

Oltre a queste caratteristiche  ha un elevato contenuto in selenio che, nell’ambito di un’alimentazione varia e salutare, ha un effetto cardioprotettivo riducendo il rischio di ischemia.  Il selenio si è anche dimostrato utile nella detossificaizone da metalli pesanti e nella prevenzione del cancro.

Zinco

Ma non finisce qui, il Frutto del Dragone è anche il maggior fornitore di zinco, che è importantissimo nel bilancio con il rame: un basso rapporto zinco/rame porta infatti a sintomi quali  depressione, ansia, sindrome premestruale severa, memoria alterata, sbalzi d’umore, perdita di appetito e diminuita maturazione sessuale. Possono contribuire ad un minore assorbimento di zinco lo stress e i contraccettivi orali.

Magnesio

La Pitaya rossa è inoltre una delle principali fonti di magnesio (seguono la banana e il kiwi) coinvolto nelle funzioni nervose e muscolari. La sua carenza, molto comune nei bambini che consumano poca verdura, può indurre apatia, depressione, tremori, debolezza muscolare e aritmie.

Vitamina C

Ulteriori caratteristiche che rendono interessante e utile il consumo del frutto del dragone è il suo elevato contenuto in vitamina C (50 mg/100 g di frutto) e il suo basso apporto calorico (50 kcal per 100gr) che è paragonabile a quello di una mela.

In conclusione quindi, la Pitaya rossa si sta rivelando un frutto dalle grandi potenzialità che sono ancora oggi oggetto di numerosi studi… Come, quanta e quando consumarla chiedetelo alla vostra nutrizionista di fiducia!

 

Bibliografia

1. Parra F, Blancas JJ, Casas A (2012) Landscape management and domestication of Stenocereus pruinosus (Cactaceae) in the Tehuacán Valley: human guided selection and gene flow. J Ethnobiol Ethnomed 8:32.
2. Parra F, Pérez-Nasser N, Lira R, Pérez-Salicrup D, Casas A (2008) Population genetics and process of domestication of Stenocereus pruinosus (Cactaceae) in the Tehuacán Valley, México. J Arid
Environ 72:1997–2010.
3. Azeredo HMC (2009) Betalains: properties, sources, applications, and stability—a review. Int J Food Sci Technol 44: 2365–2376.
4. Wu LC, Hsu HW, Chen YC, Chiu CC, Lin YI, Ho JA (2006) Antioxidant and antiproliferative activities of red pitaya. Food Chem 95:319–327.
5. Yusof RM, Akhiruddin MA. Hypocholesterolemic effect of fermented red pitaya (hylocereus polyrhizus) juice in diet-induced Hypercholesterolemic Rats. Ann. Nutr. Metab. 2009; 55: 92–101.
6. Wybraniec S, Mizrahi Y. Generation of decarboxylated and dehydrogenated betacyanins in thermally treated purified fruit extract from purple pitaya (Hylocereus polyrhizus) monitored by LC-MS/MS. J Agr Food Chem. 2005; 53: 6704–12.
7. Han JY, Ma DS, Zhang M, Yang XL, Tan DH. Natural Antioxidant Betanin Protects Rats from Paraquat-Induced Acute Lung Injury Interstitial Pneumonia. Biomed Res Int. 2015; 2015: 1–9.
8. Wroblewska M, Juskiewicz J, Wiczkowski W. Physiological properties of beetroot crisps applied in standard and dyslipidaemic diets of rats. Lipids Health Dis. 2011; 10.
9. Omidizadeh A, Yusof RM, Roohinejad S, Ismail A, Abu BakarMZ, Bekhit AEA. Anti-diabetic activity of red pitaya (Hylocereus polyrhizus) fruit. Rsc Adv. 2014; 4: 62978–86.
10. Abd Hadi N, Mohamad M, Rohin MAK, Mohd YR. Effects of red pitaya fruit (hylocereus polyrhizus) consumption on blood glucose level and lipid ;profile in type 2 diabetic subjects. Borneo Science Journal.
2012; 31: 113–29.
11.Rohin MAK, Abd Hadi N, Mohd Yusof R, Rahmat A, Mansor SM, Ali AM. Hypocholesterolemic effect of red pitaya (Hylocereus sp.) on hypercholesterolemia induced rats. Int Food Res J. 2009; 16: 431–40.
12. Davies IJT. 1972. Cooper. In: The clinical significance of the essential biological metals. Great Britain: Charles C. Thomas publishing. p 48–126.
13. Lontie R. 1984. Copper proteins and copper enzymes. Boca Raton, Fla.: CRC Press.
14. Moe SM. 2008. Disorders involving calcium, phosphorus, and magnesium. Prim Care 35(2):215–36.
15. Oˇst’´adalov´a I. 2012. Biological effects of selenium compounds with a particular attention to the ontogenetic development. Physiol Res 61:19–34.
16. Wilson L. 2014. A critical mineral for health and healing. Nutr Balan J. Available from: http://www.drlwilson.com/Articles/SELENIUM.htm. Accessed 2016 February 21.

Commenta per primo

Lascia un commento